Vorremmo, in questo articolo approfondire l'argomento della gestione delle acque meteoriche, illustrando le metodologie di trattamento indicate.

Nella progettazione di un nuovo insediamento devono preventivamente essere individuate le modalità di raccolta, trasferimento e recapito delle acque meteoriche.

In pratica il sistema di drenaggio può essere suddiviso in:

- elementi di raccolta, ossia gronde, caditoie e pozzetti dimensionati e posizionati in modo da evitare ristagni;

- elementi di convogliamento, ossia tubazioni in cui scaricano gli elementi di raccolta, che abbiano la capacità adeguata a trasferire le acque verso gli elementi di recapito;

- elementi di recapito, cioè le vasche per l'accumulo delle acque di primapioggia, con una capacità minima di 50 mc per ogni ettaro di area servita dall'impianto.

Nel caso l'insediamento sia in un'area particolamente piovosa, le norme locali possono richiedere vasche supplementari per coprire i momenti di picchi di pioggia eccedenti la capacità della vasca di base.

Le vasche di prima pioggia devono essere predisposte in modo tale che, una volta piene, le eventuali sovraccarichi di acqua siano dirottati su un altro percorso.

Le vasche di primapioggia NON possono essere svuotate in fognatura.

Gli elementi di recapito  svolgono anche la funzione depuratrice, almeno nei casi più semplici, quando cioè non si prevede la presenza di inquinanti.

Se è previsto il trascinamento di sabbia e di materiali oleosi è necessaria l'installazione di vasche a più camere, dotate di un sistema di decantazione e camera di raccolta dei materiali oleosi.

Particolari attenzioni devono essere usate in caso di impianti al servizio di piazzali adiacenti a centri commerciali, fast food o stazioni di servizio per il trascinamento che la pioggia provoca di solidi grossolani  quali cartacce, sacchetti e altri rifiuti di varia natura; in questo caso un rilevante preventivo aiuto proviene dall'installazione di adeguati sistemi di grigliatura. 

Dal punto di vista costruttivo una tipica vasca di prima pioggia è costituita da:

- pozzetto selezionatore per la raccolta di contaminati grossolani

- vasca di accumulo nella quale inviare le acque che sfiorano il pozzetto selezionatore e nella quale avviene la funzione di dissabiatura, facilmente accessibile per periodichepulizie

- sistema di controllo costituito da: sonda di segnalazione pioggia, posta all'ingresso del pozzetto selezionatore, che  segnala l'inizio della precipitazione, al fine di aprire  la valvola di ingresso,  e la fine della precipitazione, dando il comando di svuotamento alla pompa; valvola antiriflusso, che blocca l'ingresso di nuove immissioni quando la vasca è piena; elettropompa sommersa, posta all'interno della vasca di accumulo, sopraelevata rispetto al fondo per evitare l'afflusso di sabbie nell'aspirazione; quadro elettrico di comando e di controllo.

In caso di presenza di idrocarburi o sostanze oleose, sulla tubazione in uscita viene posto un diseoleatore, generalmente del tipo a coalescenza. Se la presenza di sostanze oleose è notevole, per la separazione di queste è consigliata la flottazione (in questo caso consigliamo un sistema di recupero per gli idrocarburi separati, in modo da ridurre i costi di smaltimento).

Una particolare problema di trattamento  si pone in caso di acque provenienti da strade o da parcheggi trafficati, dove le acque di prima pioggia contengono inquinanti particolarmente nocivi, come gli idrocarburi provenienti dagli scarichi delle auto o i metalli pesanti, provenienti dalla corrosione delle auto, dal residuo di attrito dei freni o dello sfregamento degli pneumatici.

Tutti questi inquinanti possono essere efficacemente degradati con l'installazione di speciali canalette filtranti contenenti un materiale assorbente a base di matrici organiche che favoriscono la crescita di microorganismi biodegradatori che trattengono i metalli pesanti mediante lo scambio ionico.

 

 

 

Crescenzi srl

Consulenza

Assistenza e Progettazione di impianti di depurazione acque da parte di tecnici
specializzati, nel rispetto delle norme del territorio in cui si opera.

Richiedi preventivo